Corbezzoli

“El oso y el modroño”, ovvero “l’orso e il corbezzolo”, è il simbolo di Madrid. Mi sono accorta di non aver mai saputo il perché di questo emblema così ho cercato di informarmi. Le informazioni che ho trovato, però, non concordano le une con le altre così ne ho fatto un collage che potrebbe essere vero, ma anche no. Diciamo pure che è verosimile.

Sembra che l’orso faccia parte dello stemma di Madrid già dal 1212, anno della battaglia di las Navas de Tolosa (combattuta contro gli arabi, nel periodo della Reconquista) probabilmente perché popolava in abbondanza i boschi nelle vicinanze della città. Per la precisione dovrebbe essere una femmina, noiosamente simbolo di fertilità.

Ma è nel 1222 che il re (nessuno dice quale) aggiorna lo stemma aggiungendo il corbezzolo. L’occasione si presentò a seguito di una disputa tra il clero e il consiglio cittadino in merito alla spartizione di alcuni terreni della zona circostante Madrid. La chiesa si aggiudicò i pascoli (quindi i foraggi) mentre al consiglio madrileno spettarono i boschi delle montagne (e quindi il legno e la selvaggina).

Dunque l’orso al pascolo poggia le sue zampe posteriori su un campo (bah) e quelle anteriori su un albero a rappresentare l’unione dei pascoli con i monti, cioè l’unione stato-chiesa. O forse fu semplicemente un modo per sigillare l’accordo.

Il perché del corbezzolo non l’ho capito: alcuni dicono fosse una pianta molto diffusa nella campagna madrilena, altri dicono che non lo era affatto. Alcuni dicono che le sue bacche contengono alcol (e contemporaneamente non si sorprendono che di corbezzoli non ce ne siano più, a Madrid) altri ancora che fosse una pianta magica e che i suoi frutti curarono il re Carlo V da una febbre malarica.

Il simbolo è poi corredato da 7 stelle, riferimento, tramite l’orso, al Grande Carro o all’Orsa Minore (non si capisce bene) e dalla corona reale, concessa da Carlo I.

Di una cosa sono sicura: la statua si trova a Puerta del Sol, all’entrata della Calle del Carmen.

Tutto questo con una confidenza alpha < 1.

El Oso y el Modroño

Leave a Reply